Croce Rossa: arrivano i Segretari Generali

Dei nuovi Segretari Generali sappiamo finalmente i nominativi ma non quanto ci costano né come faremo a pagarli.

Adesso spuntano come funghi dopo un temporale estivo ma non sono commestibili. E’ arrivata la carica dei nuovi segretari generali, uno per ogni Comitato regionale, e dopo un’accurata selezione i vari Consigli Direttivi hanno provveduto a deliberarne l’individuazione e l’assunzione. Mi piace parlare del fenomeno dei segretari perché è parte integrante della sollecitazione che sto conducendo con un gruppo di amici ogni giorno più numeroso, affinché anche la nuova Croce Rossa Italiana possa diventare, prima possibile, democratica, inclusiva e trasparente.

Non è un ‘azione inutile, nonostante le resistenze che si incontrano solo sulle posizioni acquisite, nei piccoli e meschini centri di potere, ma è un’istanza di partecipazione vera che finalmente ha compenetrato l’Associazione di volontariato più grande d’Italia. Vi parlavo dei segretari generali, del piccolo plotone di burocrati a tutto servizio, per additarlo quale esempio di trasparenza solo apparente e parziale. C’è infatti un coacervo di norme che partono dal decreto legislativo del 2001, passano per quello cd. Nicolais e arrivano ai giorni nostri con la normativa speciale anticorruzione, che equiparano le associazioni private agli Enti pubblici e le obbligano a d una serie di adempimenti. Tra questi c’è il dovere di pubblicare le delibere degli organi esecutivi al fine di far acquistare loro efficacia esecutiva.

Per questa ragione è stato creato il regolamento, inapplicato, sulla trasparenza che il Consiglio Direttivo nazionale ha approvato alla fine dello scorso settembre. Esiste una responsabilità precisa per gli organi i vertice degli Enti, per i loro funzionari e dirigenti. Naturalmente i Comitati regionali di Croce Rossa hanno provveduto a pubblicare, alla fine della selezione, il nominativo del segretario prescelto ma nulla si sa sulla sua retribuzione, un po’ come nel caso del segretario generale del Comitato nazionale. I dati amministrativi sono secretati, c’è un sentimento grande di vergogna intorno a certe notizie, altrimenti non si spiegherebbe la coltre densa di fumo che le circonda.

Eppure basterebbe poco a placare le chiacchiere che ci sono ed ogni giorno diventano più insistenti, basterebbe trasmettere sui siti internet dei Comitati interessati copia dei contratti ma questo non viene fatto e l’atteggiamento, uniforme su tutto il territorio nazionale e probabilmente concertato, sta facendo assumere alla vicenda una connotazione patologica. Nella stessa maniera non si rendono pubblici, almeno all’interno della cerchia dei Volontari, i nominativi dei soggetti destinatari di contratti di lavoro, anche nella forma della collaborazione continuata o a progetto, anche se di breve durata.

La instaurazione di un rapporto economico tra Associazione e Volontario porta con se conseguenze regolamentari importanti e modifica una serie di diritti, tra l’assunto e l’associazione e tra gli altri Volontari ed il soggetto assunto, che tutti devono poter reclamare e far rispettare, tra i quali quelli elettorali. Un’Associazione che nasconde la propria attività non è sana, una dirigenza che non rispetta i regolamenti, non rende pubblici i verbali, gli atti deliberativi, le note di spesa, le fonti di finanziamento degli impegni assunti, non merita fiducia. La lealtà che si richiede a tutti i Soci ed ai Volontari in particolare non può essere a senso unico, ma deve essere pagata profumatamente con altrettanta lealtà: un’Associazione vera, composta a tutti livelli di persone vere, funziona così.

Per quanto mi riguarda sto ancora attendendo con pazienza che qualcuno mi mostri i costi del segretariato generale ed i mezzi on i quali si intende finanziarlo, magari aggiungendoci anche quelli del piccolo plotone dei segretari dei Comitati regionali ma credo siano ormai tanti i Volontari in tutt’Italia che reputano questa attesa un’ingiustizia.

Sostienici

Informazioni Personali

Totale Donazione: €5.00

L’inchiesta che stiamo conducendo è lunga e faticosa, anche se il personale che se ne sta occupando è tutto volontario ci sono alti costi da sostenere, tra i quali a mero titolo esemplificativo l’acquisto dello spazio web, il riscontro dei fatti e delle fonti, l’acquisizione dei documenti. Puoi contribuire anche tu alla nostra attività, alle nostre ricerche, a tutti i costi che sosteniamo con una piccola donazione o con un contributo a piacere. Non siamo un partito, non riceviamo contributi pubblici, non siamo alla ricerca di un facile consenso ma possiamo continuare nella nostra opera di informazione controcorrente grazie al sostegno dei lettori come te, a cui piace conoscere anche l’altro lato di ogni medaglia. Se puoi farlo per noi è importante, se non puoi continua a leggerci lo stesso.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Rispondi